in

Suzuki GSX-S750: recensione e test ride della naked sportiva

 

Prima si chiamava GSR-750, poi Suzuki ha uniformato il nome al resto della gamma trasformandola in GSX-S750 ma non limitandosi ad un cambio di nome. Questa naked sportiva, infatti, porta diverse novità pur mantenendosi ancorata al passato per un elemento, il motore.

La fedeltà è sicuramente un punto forte di Suzuki che aveva una ottima base dalla quale partire, il motore della GSX-R 750 K5, quattro cilindri in linea da 750 cc che, a conti fatti, continua a dimostrarsi perfetto per questo modello. Forte di una buona coppia in basso, che seppur non la migliore è lineare e a prova di città, il motore gode di buon allungo e migliora nella potenza per allinearsi alla concorrenza, raggiungendo i 114 cavalli a 10.000 giri. Cresce di pochissimo la coppia (81 Nm a 9.000 giri) e ovviamente cambia l’omologazione, un Euro 4 raggiunto senza sacrificare troppo il sound grazie al nuovo airbox.

Il risultato rispetto alla GSR, moto già interessante nelle prestazioni, è un perfezionamento del progetto che diventa divertente da guidare senza però spaventare. Un motore rotondo come il quattro cilindri della GSX-S750 è infatti adatto a tutti ma anche a tutti gli utilizzi, facendosi gestire bene in città senza singhiozzare troppo nelle riprese a bassi regimi ma in grado anche di dire la sua in pista.

 

Buona visione da HDmotori.it

Vi è piaciuto?

40 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Organizziamo insieme la postazione make-up di Agata

TWIN PEAKS: QUANDO LA SERIALITA’ DIVENTA CINEMA