in

Greater Fool cattura il pubblico della TV

L’intervista del CEO Andrea Materia alla ‘Bibbia’ della pubblicità italiana

greater fool

Da aggregatore di canali YouTube a producer di contenuti editoriali a livello globale: quest’anno Greater Fool è riuscita a raggiungere un importante traguardo. Il nostro network infatti è stato selezionato da ScaleIT Capital tra le 15 scale up italiane più promettenti, con obiettivi di raccolta tra i 3 e i 30 milioni di euro, da presentare ai grandi fondi di investimento internazionali.

Per questo motivo il CEO Andrea Materia è stato intervistato dalla ‘Bibbia’ della pubblicità italiana ovvero DailyNet, a proposito di strategie di monetizzazione, contenuti performanti e audience di riferimento.

«Il network conta oltre 13 milioni di iscritti su YouTube, solo tra luglio e agosto siamo cresciuti di 1 milione. Nel 2018 abbiamo generato tra 175 e 200 milioni di views mensili. In minuti visti, equivalgono a più di mezzo miliardo», ha spiegato Materia, «Per il 2018, ipotizziamo di raggiungere in totale una forbice compresa tra 2,2 e 2,5 miliardi di views (+110% sul 2017) di cui 40% in Italia e 60% worldwide, in particolare Stati Uniti, Canada e Nord Europa».

C’è una particolare tipologia di video che gli utenti apprezzano particolarmente, ovvero quelli che rientrano in un contesto di serialità e che possono durare dai 10-15 minuti in su: «La tendenza nettissima è nel premiare i contenuti long-form e chi mantiene una continuità di pubblicazioni settimanale o quotidiana paragonabile a quella televisiva, consolidando un processo che vede YouTube come alternativa diretta alle emittenti in chiaro, in ogni fascia oraria, così come del resto Netflix e Amazon lo sono per la pay TV».

Quindi, tenendo presente il rapporto esistente tra YouTube e mondo della televisione, nel futuro di Greater Fool si delinea una nuova, stimolante, sfida: «La nostra nuova frontiera è la produzione di canali e serie 100% originali, sia di intrattenimento sia educational, rivolti alla prima platea di spettatori ‘mobile screen first’ nella storia dei media: i bambini. Per loro la televisione è ormai il secondo schermo, ancora più dei Millennials. È la prima generazione nata con lo streaming 4G».

L’intervista completa su DailyNet la trovate a questo link. Per chi le avesse perse, vi segnaliamo anche i recenti approfondimenti sui risultati 2018 di Greater Fool apparsi su Business.it e Sole24Ore.

What do you think?

40 Points
Upvote Downvote

Written by Greater Fool

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Quali sono i canali YouTube con più iscritti settembre 2018

Quali sono i canali YouTube con più iscritti in Italia (settembre 2018)

x factor 2018

X FACTOR 2018, Giulia Segreti e Barone Mark Kheel tra le voci delle audizioni